Press

 

 Enerray_ENI Gela (1) Enerray_ENI Gela (2)

 

Bologna, 09 ottobre 2018. Enerray ha terminato la costruzione e la messa in esercizio di un impianto fotovoltaico su terreno che fornirà energia alla raffineria di Gela per conto di Eni New Energy, la nuova società del gruppo Eni dedicata allo sviluppo di progetti per la produzione di energia da fonte rinnovabile in Italia.

Il sistema realizzato da Enerray, controllata di SECI Energia (Gruppo Industriale Maccaferri), sarà in grado di sviluppare una potenza di 995 kWp, con una capacità di produzione pari a 1.956 MWh/anno, ottenuta grazie all’utilizzo di tracker monoassiali di ultima generazione, che permettono ai 2.884 pannelli policristallini installati di orientarsi a seconda della posizione del sole.

L’impianto è il secondo che Enerray realizza per Eni e, nello specifico, si inserisce nel processo di riconversione della raffineria di Gela. La raffineria a ciclo tradizionale diverrà infatti un impianto di produzione di bio-carburanti, riuscendo a rispondere alle più recenti direttive europee che impongono, su impianti di nuova costruzione, la riduzione delle emissioni di gas serra del 60% su tutta la filiera.

Ad aprile 2018 Enerray aveva già connesso alla rete un impianto fotovoltaico di potenza pari a 964 kWp interamente a supporto del “cervello” operativo per l’Eni Green Data Center, situato nel comune di Ferrera Erbognone (PV), a ridosso della raffineria di Sannazzaro de’ Burgondi.

Lo sviluppo di energie rinnovabili nei Paesi e nei luoghi in cui Eni opera rappresenta un elemento fondamentale nella strategia della società di evoluzione del modello di business verso uno scenario low carbon.

“Il rinnovo della fiducia da parte di un importante player dell’energia italiano e di livello internazionale come Eni, è la conferma della qualità dell’operato e dei servizi offerti da Enerray, che ha già alle spalle oltre 240 impianti realizzati nel mondo. Enerray, anche in questa occasione, ha trovato la soluzione più idonea per risolvere le esigenze specifiche del Cliente, garantendo un elevato livello costruttivo dell’impianto, tramite l’utilizzo di una struttura zavorrata al suolo e con cavidotti realizzati in cemento armato carrabile, vista l’impossibilità di effettuare scavi a causa della tipologia del terreno,” ha commentato Andrea Venezia, CEO di Enerray.

Questo sito NON utilizza cookie di profilazione.
 Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza di Google Analytics. Leggi informativa

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close